Lo statuto della Siae e l'On. De Biasi. - Indagine conoscitiva Commissione Cultura della Camera dei Deputati - Indagine sulla SIAE - Osservatorio sulla SIAE

Osservatorio Indipendente sulla SIAE

Section categories

Indagine conoscitiva Commissione Cultura della Camera dei Deputati [63]
All'inizio del 2012, dopo le discusse decisioni della SIAE sul proprio patrimonio immobiliare e sul Fondo Pensioni, la Commissione Cultura della Camera ha varato una indagine conoscitiva ascoltando protagonisti e testimoni delle vicende.

Login form

Indagine sulla SIAE

Main » Articles » Indagine conoscitiva Commissione Cultura della Camera dei Deputati

Lo statuto della Siae e l'On. De Biasi.
L'On. Emilia De Biasi mostra sempre più chiaramente di essere nella vicenda Siae dalla parte di chi non ha voce. Ha compreso che i grandi editori e i grandi autori -che tutelano propri legittimi interessi- non hanno difficoltà a trovare "udienza". Mentre novantamila autori che pagano la quota associativa e non prendono niente o quasi niente non hanno voce e rappresentanza.
Non sarà che in Parlamento forse non c'è solo la casta?
Ecco cosa ha dichiarato l'On. De Biasi che sempre di più sta diventando la paladina della rete dei numerosi autori senza voce: "Quando lo statuto sarà pronto, sarete richiamati a verificarlo e a discuterne con noi. La definizione dello statuto, naturalmente, non compete a noi, ma, se mi permette" -rivolgendosi d un Commissario della Siae-, "noi abbiamo la competenza sul piano del commento e della possibilità di svolgere un sindacato ispettivo, che è attività propria di un parlamentare. Chiariamo la situazione. Francamente" -ha aggiunto senza timore rivolgendosi ad un commissario-  "le sue risposte di oggi mi sono sembrate ben al di sotto delle nostre richieste. Ritengo che, così come nello statuto ci deve essere un equilibrio, come è stato ricordato, vorrei che l'equilibrio fosse, però, esplicitato".
Sul sito della Siae si legge che la bozza di Statuto è stata completata e consegnata al Governo. Non c'è nessuna ragione perchè non sia resa pubblica, a partire soprattutto dalla Commissione Cultura che sta lavorando sulla Siae con una indagine conoscitiva e ha ritenuto che ci siano elementi per passare ad una Commmissione d'inchiesta.
Sembra che i tempi delle caste in Siae siano finiti proprio ad opera paradossalmente di parlamentari che finalmente fanno domande coraggiose e svolgono il loro lavoro a vantaggio di tutti e non solo di chi li può facilmente raggiungere nei luoghi del potere.
Con il lavoro della Commissione Cultura sulla Siae sembra che si sia aperta una nuova stagione dove alcuni parlamentari stanno nei fatti dimostrando che i luoghi istituzionali servono e sono al servizio di tutti i cittadini.
Complimenti all'On. De Biasi: si è ansiosi di vederla all'opera sulla bozza di Statuto.
Category: Indagine conoscitiva Commissione Cultura della Camera dei Deputati | Added by: ossiae (26-Mar-2012) | Date: 26 marzo 2012
Views: 251 | Tags: Indagine conoscitiva, Siae, Statuto Siae, Emilia De Biasi

Search

Link di Riferimento

  • SIAE
  • Verbali audizioni 15/2/2012
  • Verbali audizioni 22/2/2012
  • Verbali audizioni 29/2/2012
  • Trascrizione audizioni 06/3/2012
  • Verbale audizione 15/3/2012
  • Link Rassegna Stampa

  • Lo scandalo Siae | Guido Scorza | Il Fatto Quotidiano del 27 febbraio 2012
  • SIAE QUEL CHE SIA, LA POLTRONA È MIA di Malcom Pagani per il "Fatto quotidiano"
  • Scandalo Siae. Atto II. Le reazioni | Guido Scorza | Il Fatto Quotidiano del 29 febbraio 2012
  • La Siae di Nottingham | Filippo Gatti | Il Fatto Quotidiano del 14 marzo 2012
  • SIAE allo sbaraglio. Chi la salverà? | Il Journal del 30 marzo 2012
  • SEZIONE DOCUMENTI E ARTICOLI STAMPA

    VAI ALLA SEZIONE STAMPA